Archivi per la categoria: Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”

L’intervista che Kristina Blecich mi ha fatto per l’inserto “In più cultura” (pp. 6-7) della “Voce del popolo” di Fiume del 18 aprile 2018.

Il file pdf dell’intervista.

Il giorno 3 marzo 2018 inizia il corso di “Storia delle dottrine politiche” per il corso di laurea triennale in Scienze politiche e relazioni internazionali del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.

Per informazioni su orari e programma, clicca qui.

Il corso di “Storia delle dottrine politiche” per gli studenti del corso di laurea triennale di “Scienze politiche e relazioni internazionali” dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” inizierà l’1/3/2017.

Per informazioni, cliccare qui.

Articolo della Voce sui seminari svolti tra Napoli e Caserta con l’Università Popolare di Trieste, Seconda Università di Napoli, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” e l’Accademia di Belle Arti (e da me coordinati). articolo_voce

Il pieghevole della prima edizione del Seminario di Lingua e Cultura Italiana (Campania 2016-2018): STORIA, TRADIZIONE, CULTURA. “Storia, geografia, storia dell’arte, ambiente ed economia della Regione Campania e della città di Napoli”

Il seminario, di cui sono coordinatore, è stato organizzato dall’Università Popolare di Trieste in collaborazione con la Seconda Università degli Studi di Napoli, l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” e l’Accademia di Belle arti.

Il seminario ha avuto il patrocinio del Comune di Napoli e della Regione Campania.

Pieghevole col programma.

Mercoledì 11 maggio, dalle ore 11:00 alle ore 14:00, presso l’aula 3.1 di Palazzo Giusso.

La democrazia è a un bivio e una lunga notte è calata su di essa. La crisi sociale ed economica che sta attraversando la società contemporanea ci offre l’immagine di una frattura netta che irrompe nel sistema politico della rappresentanza, stravolge il senso della democrazia, disperde ogni punto di riferimento e si impone come forza distruttrice e creativa al tempo stesso: è a partire da queste contraddizioni reali legate a problematiche vecchie e nuove, accentuate dai processi globali in atto, che si costruisce quel laboratorio delle possibilità frutto di ogni alternativa che si sviluppi dentro e contro un sistema socio-economico che ha esaurito ogni sua funzione storica e sociale.

In una società schiacciata da diseguaglianze, impoverimento, sfruttamento, precarietà e disoccupazione cade l’idea della democrazia liberale come mito del benessere. Le istituzioni hanno smesso di rappresentare i cittadini facendo pesare su di essi il costo del risanamento finanziario quale pretesto per infliggere un duro colpo a diritti sociali e welfare: lavoro, sanità e istruzione vengono sacrificati sull’altare di continui tagli, leggi finanziarie, vincoli economici e pareggi di bilancio che stanno impoverendo sempre di più l’economia reale per spostare risorse e capitali sui mercati finanziari.

L’austerità ha indebolito la democrazia sostituendola con una nuova forma di potere capitalistico autoritario, dall’assetto innovativo, dalle forme mutevoli e post-moderne al punto da essere identificato come ”finanzcapitalismo”. Un duro colpo hanno subìto anche le organizzazioni politiche di massa, sindacati dei lavoratori e corpi intermedi che hanno visto perdere il proprio consenso tra gli strati sociali medio-bassi della popolazione, orfani di rappresentanza politico-sindacale, colpevole un’errata lettura della crisi economica, fino a diventare forze residuali con un limitato potere di contrattazione politica e sindacale difronte a un’oligarchia tecnocratica e finanziaria che gestisce il potere e detiene il capitale su scala globale.

La partita è chiusa? Certo che no! E’ stata proprio la gestione capitalistica della crisi a far scattare la molla del conflitto sociale ridefinendo il campo della partecipazione collettiva e della democrazia radicale per chiedere più diritti e maggiori tutele sociali: la nuova soggettività che sta nascendo ha attraversato con consapevolezza le piazze di mezzo mondo ed ha messo in atto una vera e propria disobbedienza civile. Questa socialità resistente messa in atto dai movimenti anti-austerity, da Occupy Wall St. al Movimiento 15M passando per la Nuit Debout, avrà vinto la propria battaglia, che è la battaglia di ogni cittadino, se si trasformerà da soggettività sociale destituente a forza politica costituente capace di superare la dicotomia tra sociale e politico e riscrivere dal basso le regole di una nuova democrazia affinché la notte possa far posto alla luce del cambiamento.
Interverranno:
Emma Imparato – docente di Diritto Pubblico
Cappelli Ottorino – docente di Scienza Politica
Diego Lazzarich – docente di Storia delle Dottrine Politiche
Sergio Mantile – sociologo e ricercatore presso il CNR

Modera:
Giuseppe Cerreto – Link Coordinamento Universitario

Si avvisano gli studenti del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali, che il giorno 25/11/2015, h. 10, si terranno gli esami di Storia delle Dottrine Politiche (Palazzo Giusso, Studio 3.9).